Elettra Marconi, cittadina onoraria di Castel Gandolfo

 

Il testo e le foto pubblicate in questa pagina sono state gentilmente forniti dal Prof. Livio Spinelli.

 

Il 22 novembre 2019 si è tenuta presso il Palazzo Pontificio di Castel Gandolfo
la cerimonia di conferimento della Cittadinanza Onoraria ad Elettra Marconi,
figlia del grande inventore e scienziato Guglielmo Marconi, già insignito del premio Nobel
per la Fisica nel 1909.

 

 

“Ella contribuisce alla affermazione dei valori umani, culturali e religiosi
di Castel Gandolfo con la Sua preziosa attività di illustrazione e divulgazione
dell’opera del suo illustre padre e fa conoscere nel mondo la nostra eredità marconiana
di ricerche e studi avveniristici sulle microonde nel campo della Radio e della
Radiotelefonia Mobile, condotte nelle Ville Pontificie di Castel Gandolfo”.
Questa la motivazione con cui l’Amministrazione Comunale ha proposto Elettra Marconi
come cittadina onoraria di Castel Gandolfo, onorificenza concessa dal Comune a persone,
se pur non residenti, legate alla città castellana.

 

 

Proprio da Castel Gandolfo Guglielmo Marconi realizzò il primo collegamento stabile sulle
frequenze ultracorte tra il Palazzo Papale e la Città del Vaticano distante circa 20 km e
condusse importanti esperimeti sul campo delle onde radio al altissima frequenza.

Oltre ad Elettra Marconi, presenti alla cerimonia anche il figlio Guglielmo Marconi Giovannelli
e sua consorte Vittoria Ludovica Rubini, il Sindaco di Castel Gandolfo Milvia Monachesi, il
Presidente Governatorato Stato Città del Vaticano S. Em. Card. Giuseppe Bertello, e altre
autorità civili e militari.

 

 

Tra gli interventi anche il Prof. Livio Spinelli, Delegato Parco della Scienza Guglielmo Marconi di Santa Marinella (Roma) che ha ricordato le imprese di Guglielmo Marconi e la storia marconiana di Castel Gandolfo.
La cerimonia si è conclusa con le parole di Elettra Marconi che ha raccontato di suo padre Guglielmo come uomo e come scienziato.

 

 

 

 

 

 

 

Precedente I radioamatori di ARI Frascati all'Open Day della Ricerca 2019 Successivo Oltre 6600 QSO per il Diploma Coltano Marconi 2019