Science Park Guglielmo Marconi di Santa Marinella

Finalmente, lunedi 22 ottobre 2018 Santa Marinella rende operativa la Città della Scienza all’interno del teleposto meteo dell’Aereonautica Militare di Capo Linaro (già sede di Torre Chiaruccia utilizzata da Guglielmo Marconi  dal 1933 al 1937 come laboratorio) con l’inaugurazione del museo sull’opera scientifica di Marconi e sui sistemi di telecomunicazioni nati nel corso dei decenni sulle sue scoperte.

La Città della Scienza, dedicata a Guglielmo Marconi, fa parte del progetto del Cresm, il Centro Radioelettrico Sperimentale Marconi ricostituito nel 1999 e che svolge prevalentemente attività di ricerca e sviluppo nelle telecomunicazioni, di formazione avanzata sulle nuove tecnologie del settore e divulgazione scientifica (concretizzato a seguito della firma della convenzione nel dicembre 2017 con l’Aereonautica Militare per l’utilizzo della struttura militare di concerto con il Comune di Santa Marinella). Questo, come primo passo, ha infatti voluto il ritorno da Trieste del centro nella sua naturale sede, dove nacque nel 1933 per volere proprio di Guglielmo Marconi.

Per l’importante evento erano presenti tantissime personalità, civili e militari, dell’amministrazione comunale, del settore delle telecomunicazioni e dell’informazione e delle forze armate.
Tra questi: Generale S.A. Giovanni Fantuzzi (Comandante del Comando Logistico dell’Aeronautica Militare), Avv. Pietro Tidei (sindaco di Santa Marinella), Generale Luigi Carpineto (Comandante Trasmissioni dell’Esercito Italiano), Professor Giovanni Cancellieri (Presidente CReSM), Capitano di Vascello Vincenzo Leone (Comandante Capitaneria di Porto Civitavecchia), Ingegner Luigi Rocchi (Direttore RAI Qualità e Pianificazione). Evento seguito anche da tante testate giornalistiche, tra le tante: Il Messaggero, La Provincia, Rai3 Lazio, Rai Radio Techete, Radio Vaticana, Ansa.

Presente anche la Principessa Elettra Marconi ed il prof. Livio Spinelli (delegato del Comune di Santa Marinella per il Parco della Scienza e Museo Guglielmo Marconi e delle radiocomunicazioni) storico marconiano ad oggi la persona che più si è dedicata al progetto Marconi a Santa Marinella.

L’ingegner Cancellieri, presidente del Cresm, ha evidenziato che il sito di Torre Chiaruccia non sarà solo polo museale ma in futuro potrà svolgere anche attività di ricerca. Il sindaco di Santa Marinella, l’Avv. Pietro Tidei ha evidenziato che finalmente la cittadina tirrenica ha trovato la sua giusta collocazione tra tutte le città che hanno avuto l’onore di ospitare grandi personaggi che hanno fatto la storia dell’umanità. Il sindaco ha inoltre espresso la volontà di ricostruire la torre, utilizzando mattoni siglati da tutti i radioamatori del mondo che vorranno contribuire a far risorgere fisicamente un pezzo importante dell’ultimo laboratorio utilizzato da Guglielmo Marconi.

Dopo il taglio del nastro si sono aperte le porte della struttura museale distribuita in varie stanze divise per epoca e tipologie di telecomunicazioni. Parte del materiale esposto è stato messo a disposizione dal museo dell’Aereonautica di Vigna di Valle, mentre una preziosa collezione di
radio ricevitori anteguerra proviene dal museo Marconi di Verona. Vari angoli dedicati alla radiotelefonia di diverse epoche, quella radiomarittima svolta dagli anni 50 dalla storica Romaradio e quello più recente con i primi passi della telefonia mobile TACS.

Passando all’esterno, era presente anche l’eccellenza delle telecomunicazioni dell’Esercito Italiano con il Battaglione Trasmissione Tonale dell’11 Reggimento Trasmissioni Leonessa che mediante una stazione satellitare installata su un VLM ha permesso ad Elettra Marconi di inviare il proprio saluto ad una task force organica del Battaglione Tonale in Libano.

La visita è proseguita all’ombra di un imponente struttura radar dell’Aereonautica Militare utilizzata fino a pochi anni fa a Lampedusa per il controllo del traffico aereo sia militare che civile. A questa fanno contorno altri due sistemi radar portatili con dimensioni più contenute.

Ultimo tassello della Città della Scienza è la stazione radioamatoriale di Torre Chiaruccia, la stazione marconiana IYØTC aderente al Coordinamento delle Stazioni Marconiane Italiane, che solo dal 2017 è stata ubicata in modo fisso all’interno della complesso militare. L’edificio che ospita il team di radioamatori della sezione ARI Civitavecchia
si trova in un piccolo fabbricato indipendente circondato dal verde del parco. Un sogno del compianto Patrizio Ciancarini (che nel 1989 fece nascere prima la IYØTCI poi diventata IYØTC) che finalmente è diventato realtà. Ed è proprio a lui che la sezione ARI di Civitavecchia ha voluto intitolare la stazione radioamatoriale. Alla cerimonia presente i figli Enrico e Lucia e la nipote Carlotta. Parole di vicinanza verso Patrizio sono state espresse anche da Elettra Marconi a cui Patrizio era molto vicino per ricerche storiche e varie celebrazioni ed anche dal sindaco Tidei che ricorda Patrizio come fautore dell’importante giornata marconiana a Civitavecchia nel maggio del 2000 quando ricopriva la carica di sindaco.

Oggi il cuore della IYØTC è di alta tecnologia grazie al contributo fornito da JVC Kenwood Italia che ha messo a disposizione gli ultimi modelli di ricetrasmettitori, top di gamma, per questa stazione, utilizzati dalla stessa Principessa Elettra Marconi che si è concessa ad un collegamento radioamatoriale in banda 40 metri con la Michele IZ7XNB dalla provincia di Bari, referente della stazione marconiana IY7M di Molo San Cataldo a Bari. Un affollatissimo pubblico ha assistito al bellissimo collegamento, portato avanti con naturalezza da Elettra Marconi nel quale ha espresso immensa gratitudine verso tutto il mondo radioamatoriale che contribuisce a mantenere vivo il ricordo di suo papà. VEDI VIDEO A FINE PAGINA

Al termine del mattinata, il sindaco di Santa Marinella Avv. Pietro Tidei ha espresso la volontà di svolgere a breve un meeting aperto a tutti i radioamatori del mondo per far conoscere la storia marconiana e le bellezze turistiche di Santa Marinella.

 

 

 

 

 

Precedente Diploma Coltano Marconi 2018